mercoledì 8 febbraio 2012

Il vero Blogger #10 - Il viaggiare

Il vero Blogger viaggia.
Il vero Blogger sorride quando gli dicono che è uno stupido perchè va a Berlino a febbraio quando fa freddo.
Il vero Blogger non può considerare il freddo come un limite. Certo...faceva un freddo porco...ma chissenefrega...qualche birra e si sistema tutto.
Spesso sbagliamo a mettere i giusti pesi sulla bilancia, o come dicono quelli bravi, sbagliamo a valutare i costi e i benefici. Il tempo (non quello metereologico) è la cosa più importante e più preziosa che abbiamo e bisogna utilizzarlo al meglio. Ogni volta che torno da un viaggio penso a quanto sono "cresciuto" soltanto perchè ho vissuto un posto nuovo dove vive altra gente diversa da me, che fa cose diverse dalle mie, mangia roba che non consideravo commestibile, si veste giustamente con la prima cosa che trova nell'armadio, se ce l'ha l'armadio, fa la cacca ma non si fa il bidet, prega un altro Dio e bestemmia altri santi, tifa solo la domenica, costruisce un muro in mezzo alla città e poi lo abbatte e ci fa dei murales, paga 50 cent ogni volta che va a pisciare, mette una divisa aziendale alle prostitute, fa dei marciapiedi più larghi delle strade e chissa cos'altro ancora....e mi viene un pizzico di amarezza perchè non riuscirò mai a vedere abbastanza in una sola vita.
Viaggiare è ossigeno per il cervello.


6 commenti:

nella ha detto...

Parole sante.. qualsiasi viaggio ci apre cuore e mente , ci insegna una grande quantità di cose ed aumenta le nostre esperienze... Bel post, bravo Claps!

Zia Cin ha detto...

Hai perfettamente ragione.Il bidet poi...discorso vecchio, lasciamo stare. Tanto per gli altri siamo noi italiani ad essere sporchi perchè il bidet rappresenta un lavaggio parziale che, secondo loro, elimina il momento doccia dalla nostra giornata -.-
E a proposito degli usi e costumi diversi dai nostri pensa a quando andrai in Svezia ( se non ci sei già stato)dove tutto quello che l'italiano ama, il suo vero dio, è proprio dappertutto:La Fika. Ossia la loro pausa della metà mattinata dal lavoro.FIKA scritto dovunque, gente che grida Viva la Fika!!! Insomma un paese in cui un italiano, grazie ad una coincidenza linguistica, si trova assolutamente a proprio agio :)

donatella g. ha detto...

"Viaggiare? Per viaggiare basta esistere. Passo di giorno in giorno come di stazione in stazione, nel treno del mio corpo, o del mio destino..
A che scopo viaggiare? A Madrid, a Berlino, in Persia, in Cina, al Polo; dove sarei se non dentro me stesso e nello stesso genere delle mie sensazioni?
La vita è ciò che facciamo di essa. I viaggi sono i viaggiatori. Ciò che vediamo non è ciò che vediamo, ma ciò che siamo".
Fernando Pessoa, Il libro dell’inquietudine

claps ha detto...

beh, che dire. tre punti di vista diversi...uno orientato all'insegnamento, uno alla fika e uno all'introspezione! ce n'è per tutti i gusti. grazie mie assidue attente impertinenti lettrici

Anonimo ha detto...

Sicuramente viaggiare è esaltante,è bello, conosci cose e gente nuova, però non è detto che ogni viaggio debba trasformarsi in una "avventura alla Ambrogio Fogar" come andare in Egitto ad agosto o in Norvegia a gennaio. Penso che la fruibilità del posto ne venga anche compromessa. Nei momenti giusti ritengo che farsi un viaggio sia la cosa più bella da fare avendo tempo ed opportunità.

Massimo ha detto...

Il vero Blogger mi piace..
questo decimo appuntamento è forse il migliore.
Dissento solo sul numero di birre..ipocrisia pura:)
Il resto è poesia metropolitana, romanzo on the road...te l'ho sempre detto che viaggiare è bello ed è bello raccontarlo:)

W il Bidet ma anche W la figa, non me ne vogliamo le graziose donzelle (pieno di donne sei, però).

Un saluto e ricorda che io mi firmo sempre:)

Martux

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...